Premessa. Anche la geografia ha una storia…


download 139.28 Kb.
jenengPremessa. Anche la geografia ha una storia…
Kaca1/4
KoleksiDokumen
a.kabeh-ngerti.com > Geografi > Dokumen
  1   2   3   4
ANCHE LA GEOGRAFIA HA UNA STORIA

(MA POCHI LA CONOSCONO

PERCHE’ POCHI LA INSEGNANO)
"Ho in mente un´idea: racchiudere in un´opera

tutto il mondo materiale, tutto ciò che oggi sappiamo

delle apparizioni della volta celeste e della vita sulla Terra"

Alexander von Humboldt

Premessa. Anche la geografia ha una storia…
Osserviamo l’immagine sovrastante… E’ un quadro del pittore tedesco, dell’Ottocento, Friedrich Georg Weitsch, attualmente conservato conservato presso il Preußischer Schlösser und Gärten Berlin-Brandenburg di, Potsdam. L’interesse dell’opera, e dunque il motivo per cui l’abbiamo qui utilizzata, non è tanto di natura artistica (Weitsch non fu un grandissimo pittore, il suo stile rea piuttosto retorico e celebrativo, anche se in questo particolare quadro mette a frutto la lezione del paesaggismo naturalistico tedesco del XVX secolo che trovò la sua massima espressione nell’opera pittorica di Caspar David Friedrich) bensì per il soggetto che rappresenta. Si vede, sullo sfondo, una elevata montagna, la cui tipica forma conica ce la fa riconoscere come un vulcano. Lo scenario circostante richiama un paesaggio non europeo, più selvaggio di quello caratteristico del Vecchio Continente e a una ambientazione non europea fanno pensare anche quasi tutti gli esseri umani rappresentati. Però di forma europea sono chiaramente gli abiti indossati da uno dei due personaggi situati sul lato destro e anche il suo aspetto fisico è quello di un europeo. Egli, infatti, è il tedesco Alexander von Humboldt, il fondatore della geografia moderna, colui che Charles Darwin definì “il più grande viaggiatore-scienziato di tutti i tempi”.

Accompagnato dal medico e botanico francese Aimé Bonpland, nel 1799 von Hunboldt salpò da La Coruna a bordo della nave "Pizarro", portando con sé sestanti, quadranti, telescopi, cronometri, teodoliti, inclinometri, cianometri, igrometri, barometri e termometri, per effettuare il maggior numero di misurazioni possibili in quella terra americana verso cui era diretto. Fecero sosta a Tenerife, ove scalarono il vulcano Pico del Teide ed effettuarono alcune ricerche climatologiche. Dopo una traversata durata ventidue giorni approdarono, il 16 luglio 1799 a Cumaná in Venezuela. Da lì, si addentrarono nell’interno dell’America Meridionale, per esplorare il sistema fluviale del Rio delle Amazzoni. Il loro avventuroso viaggio durò quattro mesi e li portò ad attraversare 2.775 km di territori selvaggi e inesplorati e mostrò i legami fra il fiume Orinoco e il Rio delle Amazzoni. La ricerca delle sorgenti di tale fiume li portò poi a Lima, in Peru, ove rimasero affascinati dalla moltitudine delle specie botaniche e animali. Da lì si recarono a Cuba e poi tornarono sul continente: traversarono le Ande, recandosi in Ecuador e qui scalarono il vulcano Pichincha, 4960 metri, e cercarono di scalare il vulcano Chimborazo, 6310 metri, all’epoca considerato il monte più alto della terra. Giunsero fino a 5975 metri, poi rinunciarono per mancanza di ossigeno ma restarono a lungo i due esseri umani che erano saliti più in alto, scalando una montagna. Si recarono poi in Messico, per studiare il calendario azteco, e quindi negli USA, ove furono ricevuti con tutti gli onori dal presidente Thomas Jefferson. Infine, carichi di informazioni, di misurazioni, di appunti, tornarono in Europa. Di von Humboldt diremo ancora qualcosa, nelle pagine successive di questo nostro scritto dedicato alla storia della geografia, ma qui vorremmo chiederci: quanti dei ragazzi che frequentano la scuola italiana sanno chi sia Alexander von Humboldt, il più grande viaggiatore-scienziato del mondo, secondo Darwin (che di viaggi e di scienza si intendeva alquanto)? E perché non lo sanno (salvo che non l’abbiano appreso da un libro regalatogli dai genitori o dalla televisione, ma certamente non a scuola)? Perché nessuno, a scuola, parla loro della storia della geografia, così rendendo questa meravigliosa disciplina orfana, più difficilmente comprensibile e più noiosa di quel che meriterebbe.

Orfana, perché ai ragazzi viene illustrata come una serie di informazioni e conoscenza che non hanno mai un padre e una madre (né una data di nascita: come, appunto, se la geografia non avesse una storia, fosse una scienza paradossalmente atemporale).

Più difficilmente comprensibile perché una scienza (qualunque scienza, non soltanto la geografia) risulta arida come un elenco telefonico se a chi la va studiando viene presentata come un elenco di informazioni e acquisizioni già organizzate e preconfezionate invece che come il risultato continuamente cangiante di tentativi, ipotesi, esperimenti spesso falliti ma non perciò meno interessanti, scontri teorici tra i sostenitori di un punto di vista e quelli di un punto di vista opposto, discussioni anche accese tra quegli uomini ed quelle donne (appunto con nome e cognome) che sono coloro che hanno fatto la scienza. Insomma, non si capisce e ama davvero una scienza se non se ne coglie quella che potremmo chiamare l’intelaiatura epistemologica che le sta sottesa e l’intelaiatura epistemologica di una scienza è fatta, oltre che della sua “filosofia” (ipotesi e teorie, appunto, nonchè tentativi ed esperimenti), della sua “storia” (ovvero di ciò che, nel corso del tempo, gli scienziati hanno fatto e pensato per rispondere a domande e problemi la verità delle cui soluzioni non è, alfine, loro piovuta dal cielo).

Infine, meno divertente (e dunque meno appassionante nell’apprenderla) di quel che meriti: infatti, senza sapere quante avventurose imprese di esseri umani stiano dietro le scoperte e le verità geografiche esse appaiono necessariamente più noiose, e dunque meno appassionanti, agli occhi (alla mente e al cuore, anche) dei ragazzi. Eppure, la maggior parte dei manuali scolastici di geografia, ignorano la storia della geografia stessa ma “Geoviaggi” ha cercato di andare in un’altra direzione…
La geografia antica
Secondo Fabrizio Bartaletti autore di uno dei pochi libri di geografia che parlino anche della storia di questa disciplina, “…la prima descrizione del mondo conosciuto è la ‘Periegesi’ (in due libri: Ruropa e Asia) di Ecateo di Mileto (560-480 a.C., a commento di una sua carta della terra che integrava quella andata perdita di Anassimandro, prima rappresentazione consapevole del mondo su una carta… (Bartaletti, 2006). Ecateo era di Mileto, ci dice Bartaletti e Mileto era (così come Efeso, ove nacquero Eraclito ed Erodoto eppoi anche Artemidoro) una colonia greca situata in Asia Minore, crocevia di sapienza non soltanto greca ma anche orientale e non a caso luogo ove sono nate contemporaneamente la geografia, la storia, la filosofia (di Mileto erano anche Talete, che della filosofia è considerato il più antico padre, e Anassimene e Anassimandro, che, come ci ricorda Bartaletti, fu non soltanto il filosofo dell’”apeiron” e lo scienziato che inventò lo “gnomone” ma anche il primo geografo a disegnare una carta della Terra: “…è probabile – afferma di lui Leon Robin nella sua magistrale “Storia del pensiero greco” – che egli abbia avuto per primo l’idea di una carta della terra…e quel che interessa la storia del pensiero è…il suo sforzo per costruire una rappresentazione sistematica del mondo…”, Robin, 1951). Insomma, la geografia nacque grande, a stretto contatto con la storia e la filosofia, a cavallo tra l’Occidente e l’Oriente. Conviene farlo sapere ai ragazzi, nel loro apprestarsi a studiare questa meravigliosa disciplina. Erodoto la arricchì con le tante storie scoperte durate i suoi viaggi in Egitto, Libia, Persia, Scizia e Artemidoro, alla fine del II secolo prima di Cristo fu autore di una monumentale Geografia in undici libri che contiene, tra l’altro, la prima descrizione della penisola iberica.



Ricostruzione moderna dell’Atlante di Anassimandro

La prima, grande sintesi delle conoscenze geografiche del mondo antico fu la “Geografia”, in tre libri, di Eratostene di Cirene (276-194 a.C.) che faceva il bibliotecario nella celeberrima, immensa biblioteca di Alessandria, a lungo, finchè non fu distrutta da un incendio, il vero tempio di tutto il sapere antico. Eratostene fu anche il primo a calcolare, con sorprendente esattezza, la lunghezza dell’equatore (secondo lui era di 39.690 Km: oggi sappiamo che è di 40.009 Km). Una seconda grande sintesi fu, in epoca già dominata dalla potenza romana, quella di Strabone (58 a.C./25 d.C.) che era greco ma, ammirando la romanità, si trasferì a Roma e qui si dedicò a scrivere i suoi diciassette “Gheographika Biblia”, che descrivevano l’Europa, l’Asia, l’Africa e, più particolareggiatamente, l’Italia.



Strabone in un’incisione del XVII secolo:

il globo che tiene in mano raffigura

i continenti di cui egli trattò
A Strabome si rifece poi Pomponio, il cui “De situ orbis” (noto anche come “Chorographia”) è un manuale scolastico, di carattere compilatorio, peraltro assai ben fatto e molto preciso, soprattutto nel descrivere il Mediterraneo e le sue coste. Anche geografo, oltre che naturalista (ma, al’epoca, le due cose erano spesso affiancate) fu poi Plinio il vecchio, autore di una monumentale “Naturalis Historia” che era anche un vero e proprio trattato geografico (egli, come si sa, morì nel 70 d.C. sommerso dalla lava uscita dal Vesuvio, in quanto, per studiare i caratteri di un’eruzione vulcanica, si era ad essa troppo avvicinato). L’ultimo grande geografo dell’Antichità fu Claudio Tolomeo (100-179 d.C.), astronomo (a lui si deve il cosiddetto “sistema tolemaico”, eliocentrico, che restò un punto di riferimento basilare per la cultura occidentale fino alla rivoluzione copernicana e galileiana) e geografo (pubblicò una “Geografia” consistente soltanto di carte: valutò assai più piccoli di quel che fossero in realtà gli oceani, così inducendo sia colombo che Magellano a ritenere assai più breve di quanto pii non risultasse davvero la loro navigazione verso le “Indie”). Ispirandosi a Ipparco di Nicea, un Greco vissuto due secoli prima di Cristo, approntò il metodo delle proiezioni coniche, che cercava di suddividere la superficie terrestre in paralleli e meridiani, così avviando quella ricerca sulla definizione della latitudine e della longitudine che durerà molti secoli (la questione della longitudine sarà risolta soltanto nel XVIII secolo) in quanto essenziale al viaggiare e all’esplorare, oltre che al commerciare e conquistare, della civiltà occidentale nel mondo.
La geografia medievale
Col termine Medioevo si indica tradizionalmente un periodo durato oltre mille anni, se si accetta come data iniziale quella della caduta dell’Impero Romano di Occidente (476 d. C.) e come data finale quella della scoperta dell’America (1492). Si tende anche a dare, di tale “evo”, un’immagine negativa, come d’un’era di regresso culturale, di oscurantismo religioso, di arresto e stagnazione del progresso umano. E’ però chiaro che, in mille anni, cambiano molte cose e quindi dare di questo lunghissimo periodo storico un’immagine omogenea conduce necessariamente a fornire chiavi interpretative, anche a livello scolastico, assai stereotipate. Certamente, l’Alto Medioevo, nei secoli immediatamente seguenti al crollo del potere imperiale di Roma, precipitò l’Europa in un’epoca di drammatica stasi culturale, di ritorno dell’analfabetismo diffuso (mentre il cittadino romano, anche il semplice “miles”, sapeva leggere e scrivere) e dunque anche di caduta complessiva delle conoscenze geografiche. Come scrive Bartaletti: “Nell’Alto Medioevo si assiste a un generale regresso delle conoscenze geografiche e cartografiche, che porta a dimenticare la stessa geografia di Tolomeo e a perdere la conoscenza di arcipelaghi precedentemente noti come le Canarie, che saranno riscoperte nel 1336 da Niccoloso da Recco e Lancelotto Malocello, navigatori genovesi al servizio del Portogallo…”(Bartaletti, 2006). Peraltro, anche nel campo della geografia così come sugli altri campi del sapere e del vivere civile, il Medioevo presenta un volto bifronte: a partire dall’espansione araba, dalla riforma carolingia, dal riattivarsi di viaggi e commerci collegati alla svolta economica, religiosa e latamente culturale del XII e XIII secolo, gli scambi, i viaggi, l’innovazione cognitiva e sociale tornano fiorenti, preparando quella che poi sarà la rivoluzione umanistica e rinascimentale, che proprio nel Basso medioevo trova le proprie più profonde radici. A caratterizzare positivamente, dal punto di vista delle conoscenze geografiche, questo secondo periodo del cosiddetto Medioevo sono vari aspetti:


La Via Francigena, da Canterbury a Roma


  • l’intensificarsi dei pellegrinaggi religiosi, in direzione dei luoghi sacri della cristianità (non soltanto Gerusalemme ma anche e forse soprattutto, in Europa, Roma e Santiago di Compostela: ciò rese celebri, assai frequentate e quindi man mano arricchite di luoghi di sosta, di ristori, di preghiera e assistenza, alcuni percorsi che, nei secoli, si sono poi mantenuti quali “strade d’Europa”, come la “Via Francigena” e il “Cammino di Santiago”, così favorendo la comunicazione e lo scambio di conoscenza tra popoli diversi e lontani);



  1   2   3   4

Share ing jaringan sosial


Similar:

Storia naturale – grotte – astronomia montagna geografia viaggi

Per una storia delle interpretazioni di G. Bruno

Ivan illich per una storia dei bisogni

Caserta e gli Acquaviva. Storia di una corte dal1509 al 1634

Léo Moulin, La vita degli studenti nel Medioevo (trad it. Jaca Book, Milano 1992)
L’università è anche considerata e considera se stessa come IL luogo per eccellenza di una totale libertà di pensiero. […]. L’università...

Premessa

Premessa generale

Quando l'uomo si soffermò a contemplare IL cielo, IL suo mondo interiore...

Hitoria – geografia -csociales

Przedmiotowy sysyem oceniania – geografia

Astronomi


Nalika Nyalin materi nyedhiyani link © 2000-2017
kontak
a.kabeh-ngerti.com
.. Home